Progettazione per interni ed esterni di infissi


Tutto quanto viene realizzato in edilizia è finalizzato a realizzare le esigenze dell’utilizzatore. Il componente edilizio finestra è quello che assolve al maggior numero di funzioni abitative. Le caratteristiche del locale vengono determinate in base alla forma dell’edificio, alla sua altezza, ala sua ubicazione, alle esigenze di ventilazione del locale stesso, di illuminazione, oscuramento, isolamento acustico e isolamento termico. Il serramento deve sopportare sollecitazioni continue e mantenere il livello delle prestazioni per tempi comparabili alla vita dell’edificio, in relazione anche alla temperatura media, alla piovosità, ai giorni con radiazione solare, alla frequenza e direzione del vento.

 

Il serramento è costituito da:

  • parte opaca: telaio, sistema di oscuramento;
  • parte trasparente: vetrata;
  • parti accessorie: chiusura, guarnizioni.

 

Requisiti di affidabilità: capacità o attitudine di mantenere sensibilmente invariata nel tempo qualità secondo precisate condizioni d’uso.

Requisiti di resistenza alle sollecitazioni derivanti da carichi statici: capacità o attitudine di sopportare le sollecitazioni derivanti dal carico dovuto al peso proprio e dai carichi di servizio senza deformazioni tali da pregiudicare la stabilità, la sicurezza e la funzionalità:

  • solidità e coerenza del sistema costruito;
  • sicurezza degli utenti;
  • economia dei trasporti e della messa in opera;
  • resistenza ai fenomeni sismici;
  • efficienza strutturale.

 

Requisiti di resistenza alle sollecitazioni derivanti dal carico del vento e dalle variazioni di temperatura:capacità e attitudine si sopportare la sicurezza e la funzionalità, le sollecitazioni derivanti dal carico dinamico del vento sull’edificio e sulle parti specifiche: usura in corrispondenza dei giunti e sollecitazioni assiali di pannelli, montanti e traverse:

  • presenza contemporanea del vento e della pioggia;
  • efficienza strutturale;
  • sicurezza degli utenti;
  • economia di manutenzione e gestione;
  • controllare i fenomeni igrotermici conseguenti alle variazioni di temperature;
  • ammettere il drenaggio o l’evacuazione delle acque di condensa;
  • consentire i movimenti derivanti da dilatazioni o contrazioni termiche;
  • usura in corrispondenza dei giunti;
  • sollecitazioni assiali di pannelli, montanti e traverse.

Requisiti di resistenza in caso di incendio: capacità o attitudine di consentire operazioni di soccorso osservando una funzionalità di emergenza:

  • infiammabilità dei materiali costituenti;
  • prodotti della combustione alle diverse temperature;
  • formazione di miscele o gas esplosivi;
  • temperatura di fusione dei materiali costituenti.

Requisiti relativi alla permeabilità all’aria e al comportamento igroterrmico: capacità o attitudine di controllare la quantità di aria che le attraversa e di mantenere la temperatura interna il più possibile vicina a quella dell’aria dell’ambiente interno nelle varie situazioni di clima esterno ed interno previste, limitando al minimo l’apporto energetico degli impianti di climatizzazione e controllando i fenomeni di condensa possibili. Ciò viene realizzato in modo da ridurre i fenomeni dovuti a discontinuità della resistenza termica della parete esterna:

  • differenze di pressione fra interno ed esterno;
  • permeabilità all’aria dei giunti.

Resistenza al contatto con i liquidi.
Resistenza ai fenomeni elettrici, elettromagnetici e di irraggiamento.
Requisiti acustici: capacità o attitudine di:

  • isolare dai rumori provenienti dall’esterno;
  • prevenire rumori all’interno dell’edificio;
  • prevenire i rumori generali dalla chiusura e dai sottosistemi.

 

Requisiti di tenuta all’acqua: capacità o attitudine di impedire che acqua di origine meteorica o di lavaggio raggiunga parti della chiusura.
Requisiti di resistenza agli urti: capacità o attitudine di resistere senza degrado funzionale, deformazioni permanenti o altre menomazioni alle sollecitazioni derivanti da urti con corpi molli e da urti con corpi duri:

  • sicurezza di persone e cose;
  • durata e affidabilità.

 

Requisiti ottici e visivi: capacità o attitudine di garantire la possibilità di vedere dall’interno verso l’esterno e viceversa, di controllare fenomeni di abbagliamento e di controllare l’illuminazione:

  • illuminazione naturale;
  • Illuminazione artificiale.

Requisiti relativi all’operabilità delle parti mobili:le parti mobili devono poter essere aperte e chiuse mediante l’applicazione di sforzi agibili all’utenza senza implicare operazioni pericolose.

Il tipo di vetratura scelto influenza le caratteristiche di termicità dell’ambiente: ad oggi è obbligatorio l’utilizzo di vetri a basso emissivo, che permettono l’ingresso del calore esterno (o evitano l’ingresso del freddo), ma impediscono l’uscita del calore dall’interno (o evitano l’uscita del freddo).

* I sistemi di oscuramento interno vengono utilizzati quasi esclusivamente nel Nord Europa: durante le ore diurne filtrano la luce solare immagazzinandone l’energia e ne impediscono la fuoriuscita durante le ore notturne.

Il Sistema Qualità è rappresentato dalla struttura organizzativa, dalle responsabilità, dalle procedure, dai procedimenti e delle risorse messi in atto per la conduzione aziendale per la qualità (UNI-ISO 8402). La gestione della qualità in azienda ha lo scopo di garantire il livello di qualità richiesto al prodotto e di dimostrare al produttore e all’acquirente che la qualità prestabilita è raggiunta e mantenuta. *